Istanbul – Una città tra due continenti

Era da molto che non vedevo la mia ex coinquilina giapponese di Sydney, come era da molto tempo che bramavo di vedere la città di Istanbul. Approfittando del fatto che lei stava lavorando a Dubai e che io ero in Asia e stavo rientrando in Europa perché non incontrarci a metà strada, nella capitale turca?

Molti viaggiatori e diversi amici mi parlavano entusiasti di questa città sul Bosforo, sospesa tra due continenti, l’Europa e l’Asia.

Mi ha sempre affascinato l’idea di visitare questa città immaginando che fosse un mix di culture millenarie e diverse. Avevo conosciuto tanti anni fa due ragazzi di Istanbul e me l’avevano descritta una città al pari delle grandi città europea, in quanto stile di vita, opportunità lavorative, eventi culturali, arte, musica, formazione universitaria, ecc. Una città che proprio a causa della sua anima moderata, dove la religione musulmana non era sfociata in estremismi e le persone, in particolare i giovani, avevano libertà di espressione, ha subito tremendi attacchi terroristici negli ultimi anni, ed ha al governo personalità politiche dannose per il Paese. E’ bastato poco per innamorarmi di questa città! Istanbul non ha tradito le mie aspettative, una città piena di storia, architettura, arte con un gustosissimo cibo con ispirazioni mediterranee e medio orientali. Una città antica, ma allo stesso tempo moderna e giovane, con ottime università a un sistema di trasporto pubblico capillare ed efficiente che attraverso le linee metropolitane, le funicolari, il tram, i bus e i traghetto possono portarti praticamente ovunque!

Una città dove si può respirare vibrazioni europee ed asiatiche, una città tra due continenti. E’ magico attraversare la città con i suoi traghetti, non importa se il cielo ed il mare sono blu o grigi… sentire l’acqua, l’aria fresca, il verso dei gabbiani, osservando lo skyline unico, consapevole che puoi passare da un continente all’altro, è bellissimo, pura poesia.

E poi i gatti, camminando per le strade della città è possibile incontrare tantissimi gatti ed in ottimi condizioni… I turchi amano i gatti e tutti gli abitanti se ne prendono cura dandogli cibo ed acqua nonché un posto dove dormire.

Ci sono già tante guide ed articoli sul web che parlano di questa meravigliosa città quindi perché non dare uno sguardo più personale?

QUAL’E’ IL MIO QUARTIERE PREFERITO?

Kadiköy. Ovviamente la parte asiatica e quindi est della città, questo quartiere è lontano dai musei, dagli hotel e dalle strade dello shopping, un po’ più turistiche, e costituisce uno spaccato della quotidianità turca. E’ di fatto una delle sue zone più autentiche e proprio per questo ne sono rimasta affascinata. Il Mercato del pesce e dell’ortofrutta che vende olive, spezie, frutta secca, negozi di libri e di artigianato, boutique, café e ristoranti anatolici.

Karaköy. E’ il nucleo storico di Beyoğlu, distretto di Istanbul, situato nella parte nord del Corno d’Oro, l’insenatura che lo separa dal centro storico cittadino. Istiklal Caddesi è il cuore pulsante della Istanbul europea attraversato da una linea tranviaria che negli scenari urbani ricorda un po’ Milano. La parte del quartiere che preferisco ovviamente non è quella dello shopping e dei palazzi opulenti, quanto quella della stradine con i bar, i ristorantini e gli atelier degli artisti, delle boutique, dei negozi di musica, di libri.

DOVE GUSTARE PRELIBATI DOLCI E NON SOLO?

Şirin Fırın Bakery. Una bakery stile antico ed un po’ europeo dove gustare dolci deliziosi oltre ai locali baklava ma anche delle tortino salati bevendo ovviamente del tè turco.

Falafel Koy. Il posto migliore dove mangiare cucina mediorientale, e quindi, hummus, baba ganoush, falafel, tabouli, staff cordiale, locale piccolo ma accogliente, prezzi economici!

DOVE AMMIRARE IL TRAMONTO CON VISTA PANORAMICA MIGLIORE DELLA CITTA’?

Georges Hotel Galata. Questo luogo mi è stato consigliato dal proprietario turco dell’ostello dove stavo alloggiando ed è stata una bella sorpresa. Dovrete entrare dentro l’hotel dicendo che volete andare alla terrazza, una volta lì, sedetevi ad un tavolino, a seconda del budget (non è un posto cheap) ordinate qualcosa e godetevi una vista panoramica sulla città spettacolare e magica.

Previous Entries [:it]Sri Lanka - Tra buddismo, foreste e spiagge tropicali cercando di sfuggire ai turisti[:en]SRI LANKA - Among Buddhism, tropical forests and beaches trying to avoid tourists[:] Next Entries [:it]Impressioni di un viaggio in Marocco[:en]Impressions of a trip in Morocco[:]